Marco Simeon si aggiudica il riconoscimento “International Media Relation” al Galà NIAF

Washington, alla 37° edizione del Galà NIAF il riconoscimento “International Media Relation” è stato conferito a Marco Simeon, Direttore delle Relazioni Istituzionali e Internazionali della RAI. Il NIAF è l’annuale convention italoamericana organizzata dalla National Italian American Foundation per consegnare i riconoscimenti a preminenti italiani e americani di origine italiana per meriti speciali. Secondo il Ministro degli Esteri Giulio Terzi questi riconoscimenti sono l’esempio dei forti rapporti che legano l’Italia agli Stati Uniti.

Si sono spenti i riflettori sulla annuale convention italoamericana organizzata dalla National Italian American Foundation all’hotel Hilton della capitale dove si è svolto il gala della 37esima edizione che sarà ricordata come quella colpita in pieno dalla crisi economica globale che ha prodotto la vistosa assenza di circa un migliaio dei consueti tre mila partecipanti.

Sul palco della International Ballroom c’erano, tra gli altri, il ministro degli Esteri Giulio Terzi, l’ambasciatore a Washington Claudio Bisogniero, il giudice della Corte Suprema Samuel Alito, l’on. Amato Berardi, l’ex numero uno dell’Fbi Louis Freeh, Letizia Moratti presidente della San Patrignano Foundation, il presidente della Niaf Joseph Del Raso, il segretario della Niaf John Calvelli e Marco Simeon della Rai.

Al podio, in veste di maestro di cerimonie, il campione di baseball Mike Piazza che ha consegnato i consueti riconoscimenti che la Niaf assegna a preminenti italiani e americani di origine italiana per meriti speciali.
Quest’anno i premi sono andati a Geno Auriemma, allenatore della Nazionale statunitense di basketball medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra (Special Achievement Award in Sport); Mark Del Rosso, Ceo di Audi of America (Special Achievement Award in Business); Giovanni Ferrero, Ceo del Ferrero Group (Special Achievement Award in International Business). Il premio è stato ritirato dall’ambasciatore Paolo Fulci a nome dalla famiglia Ferrero.

Altri premi sono stati consegnati a Ralph Izzo, Ceo e presidente del Public Service Enterprise Group (Special Achievement Award in Science and Technology) e Letizia Moratti, presidente della fondazione Friends of San Patrignano (Special Achievement Award in Philantropy). Un riconoscimento speciale per contributi accademici è andato alla Accademia dei Lincei nella persona del presidente Lamberto Maffei e un altro per “International Media Relation” è andato a Marco Simeon, Direttore delle Relazioni Istituzionali e Internazionali della RAI e Responsabile della struttura RAI Vaticano.

Quest’anno la “Region of Honor” al gala avrebbe dovuto essere la Calabria rappresentata dal presidente Giuseppe Scopelliti che però all’ultimo momento ha dato forfait. Così la Regione si è trovata a dovere versare nelle casse della Niaf una cifra per ricevere in cambio solo una telegrafica menzione durante la serata e un diffuso chiacchiericcio sulle solite brutte figure.
All’indomani del gala fra la gente che lasciava l’Hilton erano in molti a chiedersi se la vistosa mancanza di partecipanti la sera prima sia da attribuire alla crisi, oppure se piuttosto sia un segnale della crisi di identità, la mancanza insomma di una strategia precisa della Niaf nell’affrontare il futuro.

La domanda ricorrente è stata: finito il tempo delle rimembranze di un passato glorioso e dopo essersi assopita sugli allori, possibile che la Fondazione non riesca ad individuare la via giusta per affrontare il futuro di questa grande organizzazione che dovrebbe rappresentare oltre 20 milioni di italiani d’America, in un momento in cui è palese il diffuso disinteresse delle giovani generazioni.
Il ministro degli Esteri Giulio Terzi, in rappresentanza del governo, ha detto che gli italiani e italoamericani che hanno ricevuto riconoscimenti dalla Niaf sono l’esempio dei forti rapporti che legano l’Italia agli Stati Uniti. “Questo legame – ha sottolineato Terzi – si rafforza ogni anno sempre più e ci aiuta a superare la peggiore crisi finanziaria. Il governo italiano non ha perso tempo nell’attuare riforme strutturali per alleviare il debito pubblico, rendere più liberi i mercati e favorire la crescita. L’Italia ha rinnovato la sua leadership nel grande progetto dell’integrazione europea. La confidenza sul ruolo dell’Italia in Europa si traduce in una maggiore considerazione del ruolo dell’Italia nella partnership transatlantica”. Entrando nel merito dei rapporti tra i due Paesi il capo della Farnesina ha aggiunto che “l’America adesso può guardare all’Italia non solo come il miglior Paese alleato, ma anche come un amico molto influente in Europa”. Il ministro è quindi passato a parlare dell’argomento di attualità negli Stati Uniti: la promozione della lingua e cultura italiana. “Quando ho saputo di essere stato invitato dalla Niaf a rappresentare il governo, mi sono sentito particolarmente felice perché deve avere a che fare con il mio impegno nella promozione della lingua e cultura italiana negli Stati Uniti. In questa impresa, naturalmente, non sono solo. Lasciatemi ringraziare i tanti amici presenti, le tante organizzazioni e la Niaf in particolare che ha sostenuto meravigliosamente questo impegno”.

Il 2013 sarà l’anno dedicato alla cultura italiana negli Stati Uniti e a tale proposito il ministro ha detto che durante il suo incontro con Hillary Clinton di venerdì scorso, il segretario di Stato ha detto che la cultura italiana non viene celebrata solo l’anno prossimo, perché ogni anno è l’anno della cultura italiana in America.

Il ministro Terzi ha anticipato che si tratterà di un programma grandioso con eventi che comprenderanno arti, letteratura e scienze. “Pensate alla cultura italiana come un meraviglioso, maestoso albero. Le sue radici affondano nel terreno fertile dell’Illuminismo che ha influenzato anche i padri fondatori dell’America. E’ nutrito dalle antiche tradizioni della nostra penisola, è ispirato dagli ideali del Rinascimento, dal coraggio e dalla visione di uomini come Garibaldi e Mazzini”. Non poteva mancare un accenno alla crisi economica globale ed in particolare alla situazione nel Bel Paese. “In qualità di cittadino italiano e come ministro degli Esteri, spero vivamente di poterci lasciare alle spalle l’attuale crisi economica che ha colpito pesantemente molte persone. Non ci sono dubbi nella mia mente che attraverso sagge decisioni, spirito di sacrificio e duro lavoro, possiamo farcela”.

FONTE: America Oggi

Annunci

Netcomm e-Commerce Award 2012, nasce il premio del commercio elettronico

5 categorie merceologiche, 3 categorie speciali, 2 giurie, 1 vincitore assoluto e 1 vincitore “social”. Netcomm – Consorzio del Commercio Elettronico premia l’eccellenza dell’e-Commerce italiano. Al miglior progetto un viaggio a Barcellona e la candidatura all’European e-Commerce Award. Per l’iscrizione: Netcomm e-Commerce Award 2012, scadenza 19 aprile. Premiazioni all’e-Commerce Forum di Milano il 16 maggio.


Innovazione tecnologica e creativa, Usabilità e trasparenza delle procedure, Efficacia e chiarezza delle informazioni, Risultati in termini di performance, Efficacia del marketing.
Sono queste le linee guida che orienteranno la Giuria Super Partes della I° edizione del Netcomm e-Commerce Award 2012, iniziativa nata per volere di Netcomm – Consorzio del Commercio Elettronico Italiano al fine di premiare l’eccellenza dell’e-Commerce nazionale.

In palio per il migliore progetto un viaggio a Barcellona e la candidatura all’European e-Commerce Award che si terrà il 5 Giugno 2012. Ma non solo. Diversi saranno i riconoscimenti assegnati alle iniziative più meritevoli in occasione dell’e-Commerce Forum del 16 maggio prossimo, il più autorevole appuntamento dell’anno dedicato al commercio elettronico rivolto agli operatori del settore e alle aziende interessate a conoscere il mondo delle vendite online.

L’iniziativa è aperta a tutti coloro che operano nel settore, dalle agenzie ai web designer fino alle aziende stesse, operanti nei seguenti settori:

  • Viaggi e tempo libero (acquisto e prenotazione online di pacchetti vacanza, hotel, aerei, treni, navi e ticketing per spettacoli, concerti, mostre, fiere, competizioni sportive)
  • Alimentari (vendita di beni alimentari a privati e GDO)
  • Elettronica di consumo (grossisti dell’elettronica)
  • Abbigliamento e Accessori (vendita mono o pluri marca anche tramite outlet privati)
  • Assicurazioni e Altri Servizi (vendita di assicurazioni per auto, moto, viaggi, servizi di noleggio, stampa fotografica, affitti, consegne a domicilio, ecc.)
  • Editoria (vendita libri, e-book, abbonamenti ed editoria digitale)
  • Arredamento e Oggettistica (vendita articoli per la casa, arredamento e oggettistica varia)
  • Cosmetica e benessere (vendita di prodotti o trattamenti per la cura del corpo)

Saranno inoltre previste anche 3 “categorie speciali”:

  • Innovazione
  • Blog e Social Shopping
  • New Entry

Unico requisito la riconosciuta “Italianità” del progetto e l’iscrizione al registro imprese italiano.

Una Giuria di Qualità Super-Partes selezionerà 5 candidati in nomination per categoria speciale e 5 candidati per ogni categoria merceologica per eleggere, successivamente, 1 vincitore per categoria e 1 vincitore assoluto su tutte le categorie (merceologiche e speciali).

Per quanto riguarda le categorie merceologiche, inoltre, una Giuria Popolare assegnerà il premio assoluto “I Like to buy here” al candidato che avrà ricevuto più “Like” su Facebook.

Tutti i progetti candidati al Premio riceveranno il “Bollino Candidato” al Netcomm e-Commerce Award 2012, che potrà essere pubblicato senza vincoli di tempo sul sito online candidato. A mano a mano che si supereranno le fasi di selezione, verranno quindi assegnati i vari riconoscimenti:

  • Bollino Nomination: andrà ai 5 progetti scelti dalla Giuria di Qualità Super Partes e al progetto per categoria merceologica selezionato tramite gli “I Like” di Facebook (Giuria Popolare);
  • Bollino “I like to buy here”: andrà al progetto – scelto tra le categorie merceologiche – che riceverà in assoluto il maggior numero di “I Like” di Facebook;
  • Bollino Netcomm e-Commerce Award 2012: andrà al vincitore di ogni categoria (merceologica e speciale) selezionato dalla Giuria di Qualità Super Partes;
  • Bollino Best Netcomm e-Commerce Award 2012: andrà al vincitore assoluto tra tutti i candidati in nomination (categorie merceologiche + categorie speciali) scelto dalla Giuria di Qualità Super Partes. Il vincitore del Bollino Best Netcomm e-Commerce Award 2012 vincerà inoltre un viaggio a Barcellona per la candidatura del progetto all’European e-Commerce Award che si terrà il 5 Giugno 2012 (volo A/R e pernottamento compresi).

Gli interessati possono trovare maggiori informazioni sulla candidatura e l’iscrizione al Premio sul sito del Netcomm e-Commerce Award 2012. Scadenza 19 Aprile 2012.


Ufficio Stampa Netcomm
Mirandola Comunicazione
Marisandra Lizzi – Serena Orizi
marisandra@mirandolacomunicazione.it serena@mirandolacomunicazione.it

FONTE: Netcomm e-Commerce Award 2012

Massimo Sarmi (Poste Italiane): Cerchio d’oro dell’Innovazione finanziaria a PostePay

Poste Italiane, Massimo Sarmi, il riconoscimento di Aifin, il “Cerchio d’oro dell’Innovazione finanziaria” è stato assegnato per la nuova carta virtuale e-postepay e per i servizi di intrattenimento di www.postepay.it.

Postepay, la carta prepagata e ricaricabile di Poste Italiane ha vinto per il terzo anno consecutivo il Premio Cerchio d’oro dell’innovazione finanziaria. Nell’edizione 2011, che premia i progetti innovativi dello scorso anno, il riconoscimento è andato a Poste Italiane per la e-postepay, la nuova carta prepagata virtuale, che si è classificata al primo posto per la categoria “prodotti e servizi di pagamento” e per Postepay Fun, l’area di intrattenimento di postepay.it che è aggiudicata il primo posto in classifica per la categoria ‘comunicazione’

La carta Postepay conferma ancora una volta la propria leadership tra le prepagate con 8 milioni e 400 mila carte emesse. Nel 2011 ha avuto incremento nelle vendite di circa 1 milione e 400 mila carte rispetto all’anno precedente, consolidando il primato nel mercato europeo: Poste Italiane detiene il 65% del mercato nazionale delle prepagate ed ha emesso il 40% delle card che circolano attualmente in Europa. La Postepay è stata lanciata 8 anni fa e si è imposta da allora come un ineguagliato caso di successo, grazie alla sua capacità di rinnovarsi proponendo al mercato una gamma sempre più ampia di carte, nuove funzionalità all’avanguardia e iniziative di marketing per stimolare l’utilizzo delle carte.

La carta virtuale per gli acquisti online
La nuova carta prepagata virtuale e-Postepay, pensata per chi ama fare acquisti online, è complementare alla tradizionale Postepay costituisce lo strumento più adatto per l’e-Commerce; è gratuita, sicura come tutte le Postepay ed è ricaricabile online tramite conto corrente BancoPosta e attraverso i canali di ricarica Postepay. Si può richiedere su web da postepay.it o tramite cellulare con Sim Poste Mobile. In entrambi i casi i dati della carta arrivano in tempo reale tramite email ed sms sicuro.

Postepay.it
Postepay.it è il nuovo portale web dedicato ai possessori della postepay e offre non solo servizi finanziari informativi e dispositivi, ma anche opportunità di acquisti e-commerce a condizioni introvabili sul mercato (Postepay Deals) e un’area per gli amanti dell’intrattenimento, Postepay Fun, nella quale è possibile acquistare online biglietti del cinema, Dvd, videogames, scaricare musica e partecipare a numerosi concorsi per vincere premi, biglietti omaggio per le anteprime dei film, incontrare gli artisti più amati, visitare i principali set cinematografici, entrare nei backstage, ricevere CD, poster autografati o gadget in edizione limitata.

AIFIn – Associazione Italiana Financial Innovation – è un gruppo indipendente che si propone di promuovere e diffondere la cultura dell’innovazione nel settore bancario, assicurativo e finanziario e rappresenta il punto di riferimento per l’analisi delle tendenze innovative del settore. La cerimonia di premiazione si è svolta a Milano durante il Convegno AIFIn “Financial Innovation Day”, importante appuntamento annuale dedicato all’innovazione nel settore bancario, assicurativo e finanziario.

FONTE: Poste Italiane

I riconoscimenti di Terna, Flavio Cattaneo: Ethic Award, Carbon Disclosure Project e Energy Efficiency Award

Ethic Award, Carbon Disclosure Project e Energy Efficiency Award: continuano i riconoscimenti nazionali e internazionali per Terna, guidata da Flavio Cattaneo
Nella classifica 2011 del Carbon Disclosure Project è al terzo posto assoluto.
Terna si conferma azienda leader in Italia anche sul fronte del contrasto al cambiamento climatico.

Ethic Award 2011. A Terna, guidata da Flavio Cattaneo, il premio Futuro sostenibile nel Sud del Mondo.
Continuano i riconoscimenti internazionali per Terna, AD Flavio Cattaneo. L’azienda che gestisce la rete elettrica nazionale ha infatti vinto l’ambizioso premio Ethic Award 2011 per la categoria il Futuro sostenibile nel Sud del Mondo. L’Ethic Award, nato nel 2002 e organizzato dal settimanale Gdoweek del Gruppo 24 Ore, riconosce e premia l’impegno che le imprese dimostrano attraverso iniziative concrete in logica di “sviluppo sostenibile”, per un miglioramento della qualità della vita, dell’ambiente, del lavoro, delle relazioni sociali e della cultura. Per il 2011 sono stati oltre 70 i progetti che hanno concorso e 7 i riconoscimenti assegnati.

Contro il cambiamento climatico Terna, guidata da Flavio Cattaneo, è ai vertici in Italia e si conferma azienda leader in Italia anche sul fronte del contrasto al cambiamento climatico. Nella classifica 2011 del Carbon Disclosure Project è al terzo posto assoluto.
Il punteggio è un riconoscimento alla capacità di confrontarsi con il tema del cambiamento climatico, mettendo in atto comportamenti coerenti a partire dalla misurazione delle emissioni e da una loro trasparente comunicazione.
Grazie a questo risultato Terna si conferma nel Carbon Disclosure Leaders Index, unica utility presente nel 2010 e nel 2011.

Nel Carbon Disclosure Project Italy Report 2011, presentato a Palazzo Mezzanotte, Terna infatti è al terzo posto tra le imprese italiane nella classifica elaborata dai questionari pervenuti dalle prime 100 aziende per capitalizzazione di Borsa. Il Carbon Disclosure Project (CDP) è un’iniziativa internazionale, gestita da un’organizzazione non profit, la cui missione è facilitare la comunicazione trasparente dei dati relativi al tema del cambiamento climatico da parte delle maggiori aziende verso il mondo degli investitori.
In questa graduatoria che premia le aziende più consapevoli e maggiormente impegnate sul fronte del cambiamento climatico, Terna con 87 punti su 100 (+6 rispetto al 2010) è terza assoluta e seconda tra le utilities dopo Enel (89/100) che segue la “best in class” Fiat (93/100).
Il punteggio è un riconoscimento alla capacità di confrontarsi con il tema del cambiamento climatico, mettendo in atto comportamenti coerenti a partire dalla misurazione delle emissioni e da una loro trasparente comunicazione.
Grazie a questo risultato Terna si conferma nel Carbon Disclosure Leaders Index, unica utility presente nel 2010 e nel 2011.
Questo impegno di Terna è ancor più notevole poiché l’azienda, non producendo energia elettrica, non è sottoposta a vincoli o a schemi di emission trading e adotta politiche di contenimento su base completamente volontaria.

Abb menziona Terna, guidata da Flavio Cattaneo, per interconnessione con Sardegna (Sapei)
Sono sei le realtà individuate da Abb Italia per i concreti risultati ottenuti in termini di efficienza energetica e che sono state quindi premiate alla quarta edizione ‘Energy Efficiency Award 2011”.
I riconoscimenti, strutturati per categorie, sono andati a Nerviano Medical Sciences, alla scuola primaria Unità d’Italia di Piobesi Torinese, a Pirelli, alla Ausl di Rimini, a Costa Crociere e alle Acciaierie di Calvisano.
Una menzione speciale è stata assegnata a Terna per il progetto Sapei, l’interconnessione elettrica tra la Sardegna e il continente. I premi, attribuiti sulla base di parametri che hanno misurato e valutato, oltre ai risparmi energetici, la riduzione delle emissioni di CO2 e i tempi di ritorno degli investimenti.

Fonte: Terna

Ethic Award, Carbon Disclosure Project e Energy Efficiency Award: continuano i riconoscimenti nazionali e internazionali per Terna, guidata da Flavio Cattaneo

Continuano i riconoscimenti nazionali e internazionali per Terna, guidata da Flavio Cattaneo
Vittoria dell’Ethic Award 2011 per la categoria il Futuro sostenibile nel Sud del Mondo; terzo posto nel Carbon Disclosure Project Italy Report 2011 per l’impegno sul fronte del cambiamento climatico; menzione Abb Italia, Energy Efficiency Award 2011, per il progetto Sapei.

Ethic Award 2011. A Terna, guidata da Flavio Cattaneo, il premio Futuro sostenibile nel Sud del Mondo.
Continuano i riconoscimenti internazionali per Terna, AD Flavio Cattaneo. L’azienda che gestisce la rete elettrica nazionale ha infatti vinto l’ambizioso premio Ethic Award 2011 per la categoria il Futuro sostenibile nel Sud del Mondo. L’Ethic Award, nato nel 2002 e organizzato dal settimanale Gdoweek del Gruppo 24 Ore, riconosce e premia l’impegno che le imprese dimostrano attraverso iniziative concrete in logica di “sviluppo sostenibile”, per un miglioramento della qualità della vita, dell’ambiente, del lavoro, delle relazioni sociali e della cultura. Per il 2011 sono stati oltre 70 i progetti che hanno concorso e 7 i riconoscimenti assegnati.

Miglior progetto assoluto è risultato il Piano di miglioramento della Sostenibilità dell`Azienda Usi di Rimini, cui è andato anche il premio per la categoria Greening. Questi, invece, i vincitori di area: processi industriali e di filiera alla Cartiera Lucchese Eco Naturai Lucart; retailer locale e territorio comunità a Centrale Adriatica; salute, minoranze e società a Fileni Simar; education a Kraft Foods Italia; il sud del mondo a Terna; il lavoro a Nordiconad.
Un’attenta giuria di esperti, composta da rappresentanti dell’Università, Ricerca, Ambiente, Associazioni no profit, Comunicazione, ha stilato una classifica di merito sulla base di oggettivi riscontri del tipo: in che misura l’iniziativa risponde agli obiettivi prefissati e con quali risultati; il grado di integrazione con i processi aziendali ed il contributo al proprio business; L’effetto in termini di employer branding, fidelizzazione attrazione di nuovi talenti. E per Terna vincere il premio per il Sud del Mondo significa veder riconosciuti sia il proprio impegno che i propri investimenti in questa direzione.


Contro il cambiamento climatico Terna, guidata da Flavio Cattaneo, è ai vertici in Italia e si conferma azienda leader in Italia anche sul fronte del contrasto al cambiamento climatico. Nella classifica 2011 del Carbon Disclosure Project è al terzo posto assoluto.
Nel Carbon Disclosure Project Italy Report 2011, presentato a Palazzo Mezzanotte, Terna infatti è al terzo posto tra le imprese italiane nella classifica elaborata dai questionari pervenuti dalle prime 100 aziende per capitalizzazione di Borsa. Il Carbon Disclosure Project (CDP) è un’iniziativa internazionale, gestita da un’organizzazione non profit, la cui missione è facilitare la comunicazione trasparente dei dati relativi al tema del cambiamento climatico da parte delle maggiori aziende verso il mondo degli investitori.
In questa graduatoria che premia le aziende più consapevoli e maggiormente impegnate sul fronte del cambiamento climatico, Terna con 87 punti su 100 (+6 rispetto al 2010) è terza assoluta e seconda tra le utilities dopo Enel (89/100) che segue la “best in class” Fiat (93/100).
Il punteggio è un riconoscimento alla capacità di confrontarsi con il tema del cambiamento climatico, mettendo in atto comportamenti coerenti a partire dalla misurazione delle emissioni e da una loro trasparente comunicazione.
Grazie a questo risultato Terna si conferma nel Carbon Disclosure Leaders Index, unica utility presente nel 2010 e nel 2011.
Questo impegno di Terna è ancor più notevole poiché l’azienda, non producendo energia elettrica, non è sottoposta a vincoli o a schemi di emission trading e adotta politiche di contenimento su base completamente volontaria.
Lo sviluppo della rete, una delle principali attività di Terna, contribuisce indirettamente a ridurre le emissioni del sistema elettrico, attraverso una maggiore efficienza della trasmissione, il miglioramento del mix produttivo e la connessione di fonti rinnovabili. Complessivamente, la riduzione delle emissioni di CO2 nell’orizzonte di Piano di sviluppo della rete 2011-2020 può raggiungere il valore di circa 9 milioni di tonnellate all’anno.

Abb menziona Terna, guidata da Flavio Cattaneo, per interconnessione con Sardegna (Sapei)
Sono sei le realtà individuate da Abb Italia per i concreti risultati ottenuti in termini di efficienza energetica e che sono state quindi premiate alla quarta edizione ‘Energy Efficiency Award 2011”.
I riconoscimenti, strutturati per categorie, sono andati a Nerviano Medical Sciences, alla scuola primaria Unità d’Italia di Piobesi Torinese, a Pirelli, alla Ausl di Rimini, a Costa Crociere e alle Acciaierie di Calvisano.
Una menzione speciale è stata assegnata a Terna per il progetto Sapei, l’interconnessione elettrica tra la Sardegna e il continente. I premi, attribuiti sulla base di parametri che hanno misurato e valutato, oltre ai risparmi energetici, la riduzione delle emissioni di CO2 e i tempi di ritorno degli investimenti.

Riconoscimento IATA all’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino e ad Alitalia per il miglioramento del servizio di riconsegna bagagli

Aeroporti di Roma e Alitalia ottengono un importante riconoscimento IATA per i progressi del programma di gestione bagagli. 6000 valigie smistate ogni ora, quantità di bagagli disguidati diminuita del 44%, puntualità voli oltre il 91%.

La IATA, International Air Transport Association, ha assegnato all’aeroporto Leonardo da Vinci e ad Alitalia un certificato di riconoscimento per i risultati ottenuti grazie ai progressi del programma di gestione dei bagagli BIP – Baggage Improvement Program.
In base alle statistiche elaborate dalla sede IATA di Ginevra, nel primo trimestre del 2011 la quantità di bagagli disguidati nell’aeroporto romano è diminuita del 44% rispetto allo stesso periodo del 2010.

Tale risultato è stato reso possibile grazie alla fattiva collaborazione tra Aeroporti di Roma ed Alitalia, nella sua qualità di handler di riferimento dell’hub.
Aeroporti di Roma ha sviluppato rilevanti investimenti per lo sviluppo delle infrastrutture di gestione dei bagagli, ivi compreso l’impianto NET 6000 per lo smistamento dei bagagli in transito entrato in funzione lo scorso anno e capace di gestire 6.000 valigie l’ora. Il nuovo impianto ha permesso un considerevole incremento dell’efficacia e della puntualità dei servizi di gestione dei bagagli.

Alitalia, che esprime il 45% circa dei passeggeri dell’aeroporto e che attraverso i propri servizi di ground serve numerose altre compagnie, ha sviluppato a sua volta investimenti in tecnologie funzionali al miglioramento della gestione dei bagagli e delle operazioni di scalo. Tali interventi hanno contribuito a migliorare anche la puntualità dei voli che, nel trimestre preso in esame, ha superato il 91%.

FONTE: News ADR

Terna, AD Flavio Cattaneo, tra le venticinque aziende italiane candidate al “Nastro d’Onore” degli European Business Awards 2011

Sono 25 le aziende italiane chiamate a concorrere quest’anno agli European Business Awards, il premio sponsorizzato da HSBC che da cinque anni promuove l’eccellenza, l’innovazione e la buona pratica aziendale tra le società di 30 Paesi del panorama europeo tra queste Terna, AD Flavio Cattaneo

L’elenco è arrivato dal secondo round di scrutini che ha scelto 220 società, dopo le 185 uscite dalla prima selezione.
Zucchetti, Sanofi-Aventis, GE Oil % Gas, Zeta Service, Kartell, Microsfot Italia, Assicurazioni Generali, Piquadro, Aquafil, Timberland Italia, Illycaffé, ConTe.it, Unilever Italia, Cefriel, Danieli Officine meccaniche, SMS Engineering, Pirelli, Ikea Italia Retail, VRV, Chiesi farmaceutici, Terna, Gruppo Loccioni, Cosmo Pharmaceuticals, Copan Italia, Biancamano. Questi in nomi delle aziende italiane che possono fregiarsi dell’EBA Country Representative 2011 e sono ora in lizza per la fase successiva.


«Ogni anno – ha dichiarato Adrian Tripp, chief executive degli EBA – siamo testimoni di tantissime iscrizioni da parte di imprese eccezionali, con grandi storie da raccontare. Quest’anno non è diverso: la qualità dei candidati sta crescendo parallelamente al loro numero. Le società che hanno guadagnato lo status di Country Representative sono davvero il meglio del meglio. Sventoleranno alta la bandiera del proprio Paese contendendosi il Ruban d’Honneur». Nel prossimo step, le aziende saranno infatti giudicate da un panel di esperti, economisti, business leader, politici, rappresentanti dei media, che il 22 luglio a Bruxelles individuerà le migliori cento, alle quali riconoscere il prestigioso Nastro d’onore (Ruban d’Honneur).

I vincitori di questo riconoscimento, che saranno annunciati il 28 luglio, potranno prender parte a settembre alla selezione finale che prevede un ulteriore esame da parte dei giudici. Per arrivare infine all’incoronazione dei primi classificati nelle dieci categorie di premio: Employer of the year; Award for costumer focus; Award for environmental and corporate sustainability; HSBC import/export Award; HSBC international growth strategy of the year Award; Infosys Business of the year Award with turnover of €0-25m; Infosys business of the year Award with turnover of €26-150m; Infosys business of the year Award with turnover of €150 or higher; RSM International entrepreneur of the year Award; UKTI Award for innovation.

I nastri d’onore parteciperanno quindi alla cerimonia in programma quest’anno a Barcellona il 22 novembre. Quando saranno annunciati i vincitori definitivi degli European Business Award. «L’anno scorso – fanno sapere gli organizzatori – i vari gruppi di partecipanti hanno mostrato di aver davvero superato la recente crisi economica e insieme hanno raggiunto un volume d’affari di oltre 766 miliardi di euro, il 6% del Pil europeo, con l’impiego di oltre tre milioni e mezzo di lavoratori». Nel 2010, ad esempio, fra le varie società insignite del Ruban d’Honneur, figurava il Gruppo Loccioni (in corsa anche adesso), che se l’è aggiudicato nella categoria “Corporate sustainability”. E Amplifon, nella categoria “Customer focus”: quest’anno però Franco Moscetti, l’amministratore delegato del gruppo, sarà presente non in qualità di partecipante, ma di giudice.

Fonte : Il Sole24Ore