Fabrizio Palenzona, Aeroporti di Roma, al Leonardo da Vinci sfilano Isabelle Huppert, Michael Mann, Ethan Hawke e Olivia Newton-John

Aeroporti di Roma, Fabrizio Palenzona, al Leonardo da Vinci tutte le star del Festival Internazionale del Film di Roma. Arrivano la Huppert, Hawke, Newton-John e Michael Mann. Guarda il video sul canale YouTube di Aeroporti di Roma.

Proseguono all’aeroporto Leonardo Da Vinci gli arrivi di star del cinema che partecipano alla sesta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Oggi è stata la volta dell’attrice francese, Isabelle Ann Madeleine Huppert. L’attrice, due volte vincitrice del Premio per la Migliore attrice al Festival di Cannes – nel 1978 per “Violette Noziere” di Claude Chabrol e nel 2001 per “La pianista” di Michael Haneke – è sbarcata nello scalo romano con un volo di linea proveniente da Parigi. Huppert presenzierà alla proiezione di “Mon Pire Cauchemar” diretto da Anne Fontaine, fuori concorso nella Selezione ufficiale.

Un’altra protagonista del Festival sbarca al Leonardo da Vinci. Si tratta di Olivia Neuton-John, l’indimenticabile Sandy di “Grease”, che sarà presente nella Selezione Ufficiale con il film fuori concorso “A Few Best Man”. Giunta nel primo pomeriggio da Londra con un volo di linea della British Airways, l’attrice e cantante australiana, accompagnata dal marito e produttore John Easterling, salutando con un “ciao” è apparsa assai sorridente, con indosso un trench beige, foulard verde tenue, pantaloni neri ed occhiali di vista.

Dall’ “Attimo fuggente” ad “Onora il padre e la madre”, un altro dei grandi divi di Hollywood impreziosisce la galleria dei protagonisti al Festival del Film di Roma: è in concorso con “La femme du cinquieme”. Il quasi quarantunenne attore e regista texano, occhiali a specchio, pizzetto, giacca marrone, pantaloni di velluto e camicia a scacchi blu, è sbarcato poco prima delle 15 all’aeroporto Leonardo da vinci con un volo di linea in arrivo da Francoforte.

La carriera di Ethan Hawke è stata costellata di numerose interpretazioni di rilievo, dai primi ruoli che lo hanno rivelato al grande pubblico (“L’attimo fuggente”, “Giovani, carini e disoccupati” e “Prima dell’alba”), fino ai più recenti “Onora il padre e la madre” e “Brooklyn’s finest”, passando per “Gattaca”, “Identità violate”, “Before sunset”, “La neve cade sui cedri” e “Alive”.

Nel film in lizza al Festival di Roma (produzione di Francia, Polonia, Gran Bretagna) Hawke interpreta lo scrittore americano Tom Ricks che si reca a Parigi nel tentativo di rimettere in sesto la sua vita e riconquistare ex moglie e figlia. Ma si ritrova a lavorare come guardiano notturno. Qui incontra Margit (interpretata da Kristin Scott Thomas, arrivata a Roma venerdi scorso) e inizia con lei una relazione che innesca inspiegabili eventi tragici su tutti i suoi nemici.

L’aeroporto Leonardo da Vinci ha visto, infatti, lo sbarco del regista e sceneggiatore Michael Mann giunto con un volo di linea dell’Air France da Parigi. Giacca blu, camicia azzurra, pantaloni di tela bianchi e scarpe sportive, il regista americano, classe 1943, di cui tra i suoi film si ricordano “L’ultimo dei Mohicani”, “Strade violente”, “Ali”, “Collateral”, “Heat- La sfida”, “’Nemico pubblico” e “Insider – Dietro la verità”, candidato a 7 premi Oscar, terrà sabato 29 ottobre al Festival di Roma una Master Class curata da Mario Sesti e Antonio Monda nell’ambito della sezione Extra. L’ultima volta di Mann in Italia risale alla recente Mostra di Venezia dove, in qualità di produttore, ha presentato il film della figlia, Ami Canaan, “Texas killing fields”.

Mann ha profondamente riletto il “crime movie”, facendone una sorta di noir per eccellenza che prende corpo in un mondo dove gli uomini non sono mai troppo duri o abili per resistere alle insidie ed ai tranelli di metropoli sconfinate e tentacolari. In una recente intervista Mann, che è anche produttore di serie tv che hanno rivoluzionato il piccolo schermo come Miami Vice e Crime Story, ha svelato i suoi progetti futuri, dichiarandosi pronto a lanciare un nuovo lavoro per il piccolo schermo. Si tratta di Luck, una serie televisiva della durata di dieci ore, ambientata nel mondo del gioco d’azzardo e delle corse di cavalli, e di cui è già stato realizzato – dallo stesso Mann – il pilota. Gli altri episodi verranno diretti da registi diversi, ma Michael Mann supervisionerà l’intero serial in veste di produttore esecutivo. In questa produzione targata HBO non mancheranno i grandi attori: da Dustin Hoffman a Nick Nolte, da Joan Allen a Michael Gambon.

FONTE: Aeroporti di Roma – Speciale Festival Internazionale del Cinema di Roma

Annunci

Info Comunicazione 2.0
Comunicazione 2.0 nasce con l'obiettivo di fornire un supporto alla comunicazione aziendale online basato sulla qualità, attendibilità e puntualità dei contenuti da esso veicolati, con un respiro internazionale e sfruttando le capacità multimediali consentite dai media telematici. Comunicazione 2.0 è lieto di accogliere commenti e suggerimenti da parte degli utenti della rete, nonché di veicolarne la voce sui temi di volta in volta affrontati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: