Terna, AD Flavio Cattaneo: così l’Italia può diventare una potenza delle reti energetiche

Così l`Italia può diventare una potenza nelle reti energetiche. Implora la cancellazione della Robin Tax e invoca lo stato per costruire reti strategiche, evitando campanilismi ostruzionistici. Come Eni (vedere il Foglio di ieri), anche Terna,AD Flavio Cattaneo, l`operatore della rete di trasmissione nazionale dell`energia elettrica, ha inviato alla Consulta attività produttive del Pdl idee, proposte e suggerimenti per una rinnovata politica energetica che sono contenuti in un Libro Bianco sull`energia redatto dal Pdl.

Il gruppo capitanato da Flavio Cattaneo, amministratore delegato, ha scelto la via della schiettezza e ha approfittato dell`occasione, oltre che per chiedere interventi precisi, per registrare un certo disinteresse per il settore energetico da parte dell`esecutivo. Infatti, posto che l`esigenza ultima è quella di una “politica energetica, certa e coerente nel tempo, che stimoli gli investimenti”, alcuni provvedimenti recenti vanno in direzione contraria. Primo tra tutti la Robin Tax, l`addizionale di 10,5 punti percentuali all`aliquota Ires per le imprese del settore energetico, che la manovra correttiva di agosto alza di quattro punti (rispetto al livello originale di 6,5) ed estende a imprese prima esonerate, quali i gestori di infrastrutture energetiche e i produttori da fonti rinnovabili,`I`ale incre- mento fiscale, secondo Terna, “provocherà una drastica contrazione degli investimenti da parte delle società, per una cifra superiore a 15 miliardi di minori investimenti nei prossimi cinque anni”. Un valore che si riferisce all`insieme delle aziende energetiche coinvolte, non solo a Terna, Va ricordato che per Terna (così come per Snam Rete Gas, Enel e i distributori locali) i ricavi dipendono da tariffe fissate dall`Autorità per l`energia a un livello tale da impedire extraprofitti. Ne segue che inevitabilmente un`erosione dell`utile per via fiscale determina una minore disponibilità finanziaria. Il paradosso, così, è che, se da un lato lo stato-tassatore potrà incamerare un gettito maggiore, lo statoazionista (che controlla il 30 per cento del gruppo) otterrà invece meno dividendi e sconterà un deprezzamento delle sue partecipazioni.

Ma l`aspetto più importante, tra quelli rilevati dall`azienda capeggiata da Cattaneo, riguarda l`esigenza di continuare a mettere in moto investimenti per rafforzare la rete, allo scopo di garantire migliori collegamenti tra le centrali e una più efficace gestione degli impianti rinnovabili.

Il contributo di Terna alle riflessioni del Pdl non si riassume, comunque, in un me- ro cahier de doléance. C`è anche la rivendicazione del proprio ruolo e una importante sottolineatura sulle difficoltà che, normalmente, rallentano i processi autorizzativi. A differenza degli impianti, le reti attraversano molti comuni, e quindi soffrono un percorso particolarmente travagliato:in media, servono tre-quattro anni per ottenere un`autorizzazione, un tempo superiore ai sei mesi previsti dalla legge.

Per risolvere questa sfida, Terna avanza due suggerimenti. Primo: “Garantire che le infrastrutture energetiche essenziali e strategiche, come la rete elettrica di trasmissione nazionale, siano ricondotte nell`ambito della competenza esclusiva dello stato al fine di riconoscere effettiva priorità a questi progetti e garantire agli stessi il rispetto dei termini previsti dalle norme vigenti”. Secondo: “Favorire la collaborazione con gli enti locali e le regioni mediante il rafforzamento della concertazione”.

Da ultimo, la società che gestisce la rete elettrica risponde al quesito sulla ricerca e sviluppo. Lo fa da un lato sottolineando quanto gli investimenti nell`innovazione possano essere determinanti per il futuro del paese, dall`altro evidenziando il proprio ruolo, in particolare riguardo le “reti intelligenti” e l`accumulo dell`energia in batterie fondamentali per la sicurezza e la crescita delle rinnovabili.

Fonte: IL FOGLIO

Annunci

Info Comunicazione 2.0
Comunicazione 2.0 nasce con l'obiettivo di fornire un supporto alla comunicazione aziendale online basato sulla qualità, attendibilità e puntualità dei contenuti da esso veicolati, con un respiro internazionale e sfruttando le capacità multimediali consentite dai media telematici. Comunicazione 2.0 è lieto di accogliere commenti e suggerimenti da parte degli utenti della rete, nonché di veicolarne la voce sui temi di volta in volta affrontati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: